L’eterna Giselle rivive nell’Africa di Dada Masilo

Al suo terzo incontro con un titolo del repertorio ballettistico la sudafricana Dada Masilo incontra il mito di Giselle e ne coglie pienamente i simboli e i significati, rigenerandoli attraverso la propria cultura. – Silvia Poletti

La bella Dada Masilo è tornata in Italia ( a Romaeuropa, al Comunale di Ferrara dove l’abbiamo vista e infine domani al Festival Aperto, a Reggio Emilia) con la sua versione di Giselle. Nuovamente ispirata da un grande personaggio del repertorio del balletto – dopo Swan Lake e Carmen – la danzatrice e coreografa sudafricana affonda nella perfetta drammaturgia del titolo -il cui padre era, non per nulla, Theophile Gautier- e trova pertinenti agganci con la cultura della sua terra, le sue superstizioni e leggende. E così facendo da un lato attesta l’assolutezza di ciò che si chiama classico, variamente traducibile ma pur sempre distinguibile nei suoi assunti fondamentali; dall’altro ne conferma l’ adattabilità a diverse culture, tempi e latitudini ( un’altra versione di Giselle filtrata dalla cultura anglopakistana è quella acclamata, di Akram Kahn ora in scena a Londra). In più affascina perché ancora una volta permette di comprendere con quale sguardo – e comprensione- autori ‘estranei’ alla tradizione ballettistica riescano a guardare non solo al libretto, ma proprio al materiale coreografico/musicale dell’originale, ne traggano anche spunti linguistici e tematici, e con amorevolezza non manchino di rendervi omaggio.

Non più in Alta Slesia nel medioevo romantico, ma nelle campagne sudafricane descritte in apertura da un evocativo disegno di paesaggio campestre a firma di William Kentridge la storia si dipana ben nota, tra un ricco fedifrago che irretisce una ragazzina ingenua; una madre rozza e pedestre che però percepisce l’incombente tragedia; un innamorato geloso che svela l’inganno e il presago sogno in cui la protagonista sa che il suo destino finale sarà quello della vendicativa Willi, non morta che inesorabile punisce i traditori. Tra i chiassosi vocii dei contadini e della madre ubriacona nelle scene del villaggio e danze atletiche e vigorose in cui si condensa l’energetico linguaggio fisico della coreografa – capace di sintetizzare in un intenso melting pot diverse ascendenze ( dalle forme etniche al balletto)- si colgono anche delicati rimandi alla versione progenitrice di Coralli-Perrot nei gesti aulici e nella entrata classicheggiante di Albrecht, nel dono della collana di Bathilde e soprattutto nel fiore bianco, simbolo di sentimento innocente, che Giselle tiene tra le mani dopo il suo incontro d’amore – sensuale e istintivo- con il traditore.

A stringere ancor più un legame con l’originale pur facendo risonare con risolutezza ritmi e melodie africane è la bella partitura originale di Philip Miller: per la prima volta nei suoi remake Masilo sceglie una musica che sia fortemente radicata nelle sue origini; ma anche qui l’invenzione non manca di intessersi con significativi passi ‘drammatici’ della partitura di Adolph Adam. Se la prima parte scorre chiara e intensa, nella scorrevole leggibilità, la parte dedicata al superumano, alle non-morte che reclamano vendetta risulta ancora più efficace. Una Myrtha sciamana, con scettro caudato e lunghe trecce richiama dall’ al di là gli spettri dolenti e assatanati. Del resto le Willis non sono forse vampiri? Del resto nella favolistica afro non ci sono leggende di spiriti dei morti implacabili e cruenti? Vestite di rosso queste anime dolenti e furiose vorticano irate: percuotono la terra, la pestano, ne fanno vibrare le viscere. Una sarabanda dalla frenesia tellurica, squassante travolge Hilarion e poi Albrecht, questa volta privo della pietà cristiana della sua innamorata.

Dada rivendica proprio questa scelta drammaturgica come l’elemento forte della sua lettura. In verità non è tanto questo quanto proprio aver saputo costeggiare il classico e trovarne risonanze vere nel proprio background culturale a dare validità al suo progetto. Se tutto sembra ancora soprattutto descrittivo più che empatico, il risultato infatti funziona, anche grazie alla estroversa ma controllata qualità dei suoi ottimi danzatori.

Scrivi qui il tuo commento!