I Consigli teatrali della settimana a cura di Renato Palazzi

Il Belgio comanda. Parola di Fabre

“Belgium rules/Belgian rules” di Jan Fabre è l’evento della settimana al Napoli Teatro Festival (in autunno a Roma). Al via il Festival dei Due Mondi di Spoleto, con Emma Dante e l’ormai tradizionale presenza di Bob Wilson che riprende “Hamletmaschine” di Heiner Müller. A Bologna la rassegna “…Non c’è più. Presenza/assenza: memorie” prende le mosse dal laboratorio tenuto da Enzo Vetrano e Stefano Randisi. A Roma “Venti d’estate” propone incontri, reading, performance musicali con Roberto Latini, Teatro delle Ariette, Ermanna Montanari e altri artisti. A Verona il Festival Shakespeariano è inaugurato da “Richard II” in versione femminile diretto da Peter Stein – Renato Palazzi Per saperne di più

Danza Inequilibrio

Il festival di Castiglioncello si apre con i lavori di alcuni giovani coreografi provenienti da Libano, Egitto, Palestina. Ritorna “Asti Teatro” con Mario Perrotta, Tindaro Granata, Saverio La Ruina, Mimmo Borrelli, Scimone-Sframeli. Ancora danza ma indiana per l’apertura di “Inteatro” di Ancona e Polverigi, che prosegue con Yan Duyvendack, Roger Bernat, Collettivo Cinetico. Prosegue infine il Napoli Teatro festival con il coreografo Dimitris Papaioannou, Fabrizio Gifuni e il burattinaio Bruno Leone – Renato Palazzi Per saperne di più

Telefonino di guerra

Al festival delle Colline Torinesi il regista libanese Rabih Mroué racconta la guerra civile siriana attraverso immagini raccolte dai cellulari. Prosegue a Napoli con l’iconoclasta artista catalana Angelica Liddell il Teatro Festival. Nel Padovano, fra cascine, barchesse e scuderie, al via la nona edizione di “Scene di paglia”, Marco Paolini fra gli ospiti. La prima nazionale del “Vangelo secondo Judah” di Stefano Massini apre il Pistoria Teatro Festival. “Sogno di una notte di mezza estate”, regia di Walter Le Moli, inaugura a Parma il nuovo spazio all’aperto Arena Shakespeare – Renato Palazzi Per saperne di più

Appuntamenti al buio

IT Festival a Milano propone un’affascinante stratificazione di proposte spettacolari che mescola gruppi esordienti e già collaudati senza alcuna forma di selezione. Sempre a Milano ha inizio la rassegna estiva “Da vicino nessuno è normale”, giunta alla 22esima edizione. Al debutto, con la regia di Claudio Autelli, ” Ritratto di donna araba che guarda il mare” di Davide Carnevali, vincitore del Premio Riccione. Proseguono con il loro ricco programma i festival di Napoli e delle Colline Torinesi – Renato Palazzi Per saperne di più

Festival e ancora festival

A Torino e dintorni c’è il Festival delle Colline Torinesi con Marcido Marcidorjs e Famosa mimosa e Deflorian-Tagliarini. A Napoli il Teatro Festival diretto da Ruggero Cappuccio comincia con un concerto di Franco Battiato. Trasferito da Lucca ad Ascoli Piceno, Teatri del Sacro con Maurizio Donadoni, Bucci-Sgrosso, Abbondanza-Bertoni. A Bologna, il Teatro dell’Argine porta a compimento con “Futuri maestri” il progetto di lavoro comune tra attori professionisti e bambini-adolescenti. A Milano, “Fuorigioco” di Lisa Nur Sultan, regia di Emiliano Masala – Renato Palazzi Per saperne di più

Comincia un’altra Primavera

Scena Verticale inaugura in settimana a Castrovillari la diciottesima edizione del festival “Primavera dei Teatri” che, di fatto, apre la stagione estiva. Il recital di Ute Lemper conclude a Milano la breve rassegna di teatro internazionale per i 70 anni del Piccolo. Ideato dal collettivo Amigdala, il festival “Periferico” di Modena valorizza spazi poco o nulla frequentati della città. Abbondanza/Bertoni, Muta Imago, Leonardo Delogu fra gli ospiti – Renato Palazzi Per saperne di più

Albe d’Inferno

Comincia a Ravenna l’impegnativo ciclo di rappresentazioni delle tre cantiche della “Divina Commedia” allestito dal Teatro delle Albe. Giunge a Milano il “Macbetto” in lingua sarda di Alessandro Serra ed “Esodo” di Valentino Mannias. Sempre a Milano, per i 70 anni del Piccolo, il “Riccardo III” di Shakespeare diretto da Thomas Ostermeier. A Torino va in scena l’omaggio a Umberto Eco con “Il nome della rosa” adattato da Stefano Massini e diretto da Leo Muscato. A Roma, Sergio Pierattini, con l’asciutta regia di Peppino Mazzotta, ripropone “Ombretta Calco” con la brava Milvia Marigliano – Renato Palazzi Per saperne di più

C’è modo e modo di perder tempo

“Timeloss”, l’imperdibile pièce dell’iraniano Amir Reza Koohestani, è a Milano assieme allo straordinario “Riding on a cloud” del libanese Rabih Mrouè. A Firenze, per Fabbrica Europa, “Heretica” dell’emergente compagnia Leviedelfool, progetto del regista, attore e drammaturgo Simone Perinelli. Ancora a Milano, “L’imperatore della sconfitta” di Jan Fabre, regia di Elena Arvigo. Infine a Modena “Delitto e castigo” nella provocatoria messinscena del regista russo Konstantin Bogomolov – Renato Palazzi Per saperne di più

TroiloVsCressida

ricci/forte tornano al feroce testo scespiriano con la partecipazione dei giovani allievi della scuola di teatro di Palermo diretta da Emma Dante. Al via a Siracusa il ciclo di spettacoli classici affidati quest’anno alle regie di Marco Baliani, Valerio Binasco e Giorgio Barberio Corsetti. A Brescia Franco Branciaroli riprende a più di 20 anni di distanza la “Medea” di Luca Ronconi. A Milano, “Ci scusiamo per il disagio” degli Omini e, direttamente dall’Odéon di Parigi, “Improvvisamente l’estate scorsa” per la regia di Stéphane Braunschweig – Renato Palazzi Per saperne di più

Primavera in Fabbrica

Comincia a Firenze l’edizione 2017 di “Fabbrica Europa” con la coreografa Anne Teresa De Keersmaeker tra gli ospiti. A Roma, “personale” dedicata a Lucia Calamaro con tre dei suoi più riusciti spettacoli. A Milano, “Una serie di stravaganti vicende” è l’omaggio di Ferdinando Bruni e Francesco Frongia al mondo di Edgar Allan Poe; Fabrizio Gifuni si misura con un bellissimo racconto giovanile di Testori, “Il dio di Roserio”; il ricordo di Luca Ronconi è infine affidato a “In cerca d’autore”, squassante “studio” sui “Sei personaggi” pirandelliani – Renato Palazzi Per saperne di più