Le recensioni di Maria Grazia Gregori

Lola che dilati la camicia

Lola che dilati la camicia

Bene ha fatto il Teatro dell’Elfo a riproporre questa pièce che dal 1996 a oggi, grazie anche alla costanza delle interpreti e in particolare di Cristina Crippa, ha mantenuto intatta la sua provocatoria tenerezza e il suo pudico sentimento – Maria Grazia Gregori Continua a leggere…

La famiglia dell’antiquario, puro Goldoni ma dalla testa di legno

La famiglia dell'antiquario

Con un singolare gioco di rimandi fra realtà scenica e marionettistica, la compagnia Carlo Colla & Figli (ri)porta al Piccolo la commedia di Goldoni che vi mancava dal 1956. Con trovate scenografiche di gran pregio – Maria Grazia Gregori Continua a leggere…

La camera da ricevere

Ermanna Montanari

Una straordinaria Ermanna Montanari ha inaugurato la nuova edizione di “Le Stanze”, festival di “teatro d’appartamento” ideato da Alberica Archinto e Rossella Tansini che questa volta conduce il pubblico di Milano alla scoperta di inedite fondazioni legate al mondo e al lavoro artistico – Maria Grazia Gregori Continua a leggere…

Il colore è una variabile dell’infinito

Paolo Rossi

La regista Roberta Torre, con la complicità di un Paolo Rossi mai così controllato nella sua trascinante esuberanza, ripercorre la vita e le imprese del nonno, progettista di aeroplani e della popolare Lambretta. Un divertissement non privo di intelligenza con una sua ironica e affettuosa morale – Maria Grazia Gregori Continua a leggere…

Sorelle Macaluso, ovvero Emma Dante andata e ritorno

Sorelle Macaluso

Ormai assunta nell’empireo del teatro italiano, la regista palermitana viene da lontano e ritorna al punto di partenza con questo spettacolo onirico e realistico insieme, fondato su figure femminili capaci di agire con medesima efficacia sia come individui che come insieme – Maria Grazia Gregori Continua a leggere…

Pornografia

Pornografia

Al di là dei meriti di aver riscoperto un grande romanzo e un grande autore come Witold Gombrowicz, la pièce diretta da Luca Ronconi è una fortissima dichiarazione di teatralità. Anzi delle ragioni del teatro. Eccezionali Riccardo Bini e Paolo Pierobon – Maria Grazia Gregori Continua a leggere…