Tag Archives: Gigi Dall’Aglio

La storia della mitragliatrice

Milo Rau ospite a Bologna per il progetto Prospero con “Compassion. La storia della mitragliatrice”. “Nicht schlafen” di Alain Platel in scena Modena. A Parma, trittico di spettacoli (diretti da Didi Dall’Aglio) e incontro con Juan Mayorga. Debutta e Lugano e poi giungerà a Milano “Ifigenia, liberata”, il nuovo spettacolo di Carmelo Rifici. Lorenzo Loris dirige a Milano “Gli amori difficili”, da racconti di Italo Calvino. Roberto Rustioni dirige a Roma “Idiota” del catalano Jordi CasanovasRenato Palazzi

Per saperne di più

SdisOrè, Testori di sangue e risate

È interessante perché rispettoso e innovativo a un tempo l’approccio mostrato da Michele Maccagno a Testori, sotto la direzione di Gigi Dall’Aglio. L’idea di evidenziare gli aspetti comici, qua e là persino scopertamente goliardici del testo ce la fa cogliere in una luce inedita – Renato Palazzi Per saperne di più

Il gabbiano di Lugano

L’allestimento del testo cechoviano allestito da Carmelo Rifici nella città svizzera approda a Milano. Qui, da vedere anche “La vita ha un dente d’oro” diretto da Claudio Morganti. All’ex stabile di Roma, Pippo Delbono con “Vangelo” e Valter Malosti con la rilettura del pirandelliano “Berretto a sonagli” nella versione originale in dialetto siciliano. A Novate Milanese, nella casa di Testori, va in scena l’anteprima di “SdisOrè” diretta da Gigi Dall’Aglio – Renato Palazzi Per saperne di più

15/45, uno studio sulle guerre

15/45, uno studio sulle guerre

Giancarlo Cauteruccio presenta tre “atti teatrali sul desiderio della libertà” a Scandicci. Balletto civile porta all’esordio la nuova produzione “Ruggito” a Milano. Fra i ritorni da non mancare, “Himmelweg (La via del cielo)” di Mayorga a Parma; “Lucido” di Spregelburd a Roma e “Amleto” per la regia di Ninni Bruschetta al rinnovato Teatro Mandanici di Barcellona Pozzo di Gotto – Renato Palazzi Continua a leggere…

Una tragica illusione

Himmelweg

Juan Mayorga ha ricostruito la macabra messinscena del lager di Terezin. Renato Sarti riapre il capitolo sul terrorismo rimettendo il scena “La gabbia (figlia di notaio)” di Massini. Vitaliano Trevisan ha rimesso mano agli “Innamorati” di Goldoni (regia di Andrée Ruth Shammah). Da seguire anche “Giulio Cesare. Pezzi staccati” di Romeo Castellucci e l’arrivo a Roma del duo Carullo-Minasi con “Due passi sono” – Renato Palazzi Continua a leggere…